Inseguendo il sogno di creare il suo vino, Paolo Radici, uomo d'industria nativo di Bergamo, arriva in Franciacorta e restaura la casa appartenuta al pianista Arturo Benedetti Michelangeli.